Itinerari mtb nella zona del Monte Beigua
Itinerario 31
Discesa dal monte Argentea ad Arenzano, 1

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 2/2006
connessione Punto di partenza: rifugio Argentea
Come arrivare: Il rifugio (normalmente chiuso; locale invernale) è raggiunto dall'itinerario 2.
Itinerario.
Partiamo dal rifugio situato a nord della vetta, sulla Cima Pian di Lerca. Individuiamo un sentiero che scende verso sud-est, contrassegnato dai segnavia glass e r28. Il sentiero scende verso sudest poi svolta in direzione opposta e confluisce nel sentiero FIE r28 nei pressi di una piccola costruzione (ricovero Fasciun; km 0,8).
Svoltiamo a destra e seguiamo il sentiero diretto verso le pietraie che fasciano la piramide dell'Argentea. Il percorso è pianeggiante, ma poco ciclabile a causa dei massi che ne costituiscono il fondo.
Usciamo sull'evidente colle situato alla base dell'Argentea (km 1,6). Scendiamo sul versante opposto raggiungendo il vicino passo Collettassa, crocevia di sentieri.
Svoltiamo a sinistra sul sentiero Aphp. La discesa è sorprendentemente facile ed il sentiero si allarga a mulattiera. Attraversiamo una spaccatura della roccia entrando in una spettacolare gola. Il percorso non si può definire esposto, ma comunque richiede prudenza.
La mulattiera scende ad un guado (km 2,8) posto sotto ad una cascata e continua sul versante opposto.
Dopo aver superato un altro ruscello il sentiero sale, ripido ed in parte non ciclabile, per superare degli speroni di roccia. Le discese si alternano alle salite, non sempre ciclabili, mentre attraversiamo tutta la testata della valle.
Dopo alcuni pittoreschi attraversamenti il sentiero arriva ad un incrocio presso un masso pitturato da grandi segnavia (km 6,1) dove confluiamo sul sentiero che arriva dalla Gava, sentiero molto usato dai bikers per scendere dal Passo.
Proseguiamo in discesa con percorso non difficile. Il sentiero percorre il versante sinistro della Val Leone, parallelo alla strada della Gava.
Superiamo il roccione detto Gruppo (km 7,6) dove lasciamo a sinistra il segnavia Aphp. Proseguiamo in discesa e confluiamo in un sentiero più ampio (km 8). Proseguiamo a sinistra e raggiungiamo località Cianelli (km 8,8) dove incontriamo il percorso 10 e proseguiamo in comune con quello.
Superiamo una breve salita e scendiamo al Passo Gua (km 9,6) dove andiamo a sinistra. La strada scende ad un guado, sale leggermente per poi scendere ad Agueta (km 10,9).
Appena toccato l´asfalto saliamo a sinistra per una decina di metri e prendiamo a destra una sterrata chiusa da una catena. Dopo 300 metri andiamo diritti mentre la stradina sale a sinistra. Segue una discesa dissestata ma divertente fino ad incrociare un sentiero FIE che trascuriamo andando a sinistra (frecce ed M bianche).
Continuiamo a scendere con tornanti e lunghi traversi fino a sbucare sull´asfalto sopra al Santuario di Arenzano (km 14). Andiamo in discesa raggiungendo la strada antistante la chiesa e di lì il centro (km 15).
Dislivello: 1150 m in discesa
Ciclabilità: 95%
Asfalto: 7%.
Osservazioni: è evidente che il maggiore problema dell´itinerario è logistico. Infatti il rifugio è facilmente raggiungibile da Vara o dal Faiallo, località lontane da Arenzano. Per l'accesso dalla Gava vedi itinerario 25 e variante seguente.
Variante 31.1:
qualora siate partiti dalla Gava percorrendo, al contrario, l´itinerario 25, potreste risparmiare fatica e dislivello evitando di salire al rifugio.
Raggiunto il bivio a 3 km da Casa della Gava andiamo a sinistra seguendo il segnavia r28. Il sentiero taglia i pendii della montagna senza grandi dislivelli e raggiunge il ricovero Fasciun dove ritroviamo l´itinerario principale (km 1,2).


mappa  foto  foto  foto  gps
divieti
invito


Descent from the mount Argentea to Arenzano, 1

Updating: 2/2006
Start point: Argentea Hut
How to arrive: The Hut (normally closed; winter room) is reached by the itinerary 2.
Itinerary.
We start from the shelter to north of the peak on Cima Pian di Lerca. We individualize a path that goes down toward southeast, marked by the trail sign glass and r28. The path goes down toward southeast then turn in opposite direction and meets in the path FIE r28 near a small construction (refuge Fasciun; km 0,8).
We turn to the right and we follow the path that directed toward the stonies ground that bandage the pyramid of the Argentea. The run is level, but few cycle because of the rocks that constitute the bottom of it.
We go out on the evident pass placed at the base of the Argentea (km 1,6). We go down opposite side reaching the near pass Collettassa, crossroad of paths.
We turn to the left on the path Aphp. The descent is surprisingly easy and the path widens to mule-track. We cross a breaking of the rock entering a spectacular gorge. The run cannot be defined exposed, but however it asks for prudence.
The mule-track it goes down to a ford (km 2,8) sets under to a fall and continues on the opposite side.
After having overcome another brook the path climbs, steep and partly not cycle, to overcome some spurs of rock. The path descents alternate descent to the slopes, not always cycle, while we are crossing the whole heading of the valley.
After some picturesque crossings the path arrives to an intersection near a rock painted by great trail signs (km 6,1) where we meet on the path that arrives from the Gava, path very used by the bikers to go down from the Gava.
We continue in descent with non difficult run. The path crosses the side left of the Val Leone, parallel to the road of the Gava.
We get over the rock said Gruppo (km 7,6) where we leave to the left the trail sign Aphp. We continue in descent and we meet in an ampler path (km 8). We continue to the left and we reach place Cianelli (km 8,8) where we meet the run 10 and we continue in common with that.
We get over a brief ascent and we go down the Pass Gua (km 9,6) where we go to the left. The road goes down to a ford, climbs slightly to go down to Agueta (km 10,9).
Touched the asphalt we climb to the left for about ten meters and we take to the right a dirt road closed by a chain. After 300 meters we go straight on while the narrow road climbs to the left. It follows a descent rough but amusing up to cross a path FIE that disregard going to the left (arrows and white M).
We keep on going down with hairpin bends and long beams up to emerge on the asphalt above to the Sanctuary of Arenzano (km 14). We go to descent reaching the road in front of the church and from there the center (km 15).
Gradient: 1150 ms in descent
Cycle: 95%
Tarmac: 7%.
Observations: it is evident that the most greater problem of the itinerary is logistic. In fact the shelter is easily attainable from it Vara or from the Faiallo, places distant from Arenzano. For the access from the Gava you see itinerary 25 and following variation.
Varying 31.1:
if you have departed from the Gava crossing, contrarily, the itinerary 25, could save work and gradient avoiding to climb to the shelter.
Reached the fork 3 kms from House of the Gava we go to the left following the trail sign r28. The path cuts the slopes of tha mountain without great gradients and it reaches the refuge Fasciun where we find again the main itinerary (km 1,2).



Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.