Itinerari mtb nella zona di Albenga
Itinerario 31
Discesa da San Calocero a Vendone

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 5/2016 connessione
Partenza: San Calocero
Come arrivare: La chiesa è raggiunta dall'itinerario 30.
Itinerario.
Scendiamo dalla chiesa seguendo la mulattiera di accesso. Dopo centocinquanta metri svoltiamo a destra seguendo il sentiero segnalato r2 e r54 .
Poco rientriamo sulla pista maggiore e la seguiamo scendendo alla Colla d'Onzo (km 0,9).
Svoltiamo a sinistra prendendo la larga strada sterrata (segnavia r2 ) che scende e la seguiamo finchè il segnavia la lascia (km 2,4).
Entriamo su una mulattiera un po' infrascata che scende nel bosco costeggiando aree a pascolo.
Attraversiamo la strada sterrata (km 2,6) per proseguire sulla mulattiera.
Talvolta la traccia si perde e risultano preziosi i segnavia che ci guidano sul percorso tortuoso.
Attraversiamo di nuovo la strada (km 3,1) e percorriamo la mulattiera superando alcune zone fangose. Usciamo su un pista erbosa che costeggia una grande vasca d'acqua (km 3,3), aggiriamo a sinistra la vasca e usciamo sulla strada (km 3,4).
Andiamo a destra per venti metri e svoltiamo a sinistra scavalcando il filo elettrificato della recinzione per entrare nel bosco.
Qui il sentiero è assente e ci orientiamo raggiungendo una grossa valvola dove svoltiamo a sinistra scendendo a una costruzione.
Scendiamo diritto per tracce di bestiame che confondono il giusto percorso.
Cerchiamo di seguire esattamente il segnavia per superare questa zona confusa e, dopo aver scavalcato nuovamente il filo, usciamo sulla strada (km 3,7).
Prendiamo la strada che inizia di fronte e la lasciamo subito per entrare nel bosco a destra dove riprende la mulattiera.
Scendiamo costeggiando un ruscello sulla mulattiera che si allarga a strada campestre.
A un bivio (km 4,7) svoltiamo a destra (ma dovrebbe essere meglio andare a sinistra) su una strada in cemento che diventa asfaltata e termina a un bivio (km 5,1) sull'itinerario 30.
Scendiamo a sinistra alla vicina SP 35 che seguiamo a sinistra fino a Vendone Capoluogo (km 7,3).
Dislivello: -650 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 40%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto


Updating: 2016/5 We descend from the church following the access trail. After one hundred and fifty meters we turn right and follow the marked r2 and r54 path.
Soon we return to the main track and follow it down to the Onzo Pass (km 0.9).
We turn left on the wide dirt road (marked r2 ) going down and we follow it until the trail sign it leaves (2.4 km).
We go on a mule track a little encumbered by shrubs that goes down on the woods along a pasture areas.
We cross the dirt road (km 2.6) and continue on the trail.
Sometimes the track is lost and the trail markers are valuable to guide us on the tortuous path.
We cross the road again (3.1 km) and walk the mule-trail passing some muddy areas. We go out on a grassy track along a large tub of water (km 3.3), we get around to the left the bath and go out on the road (km 3.4).
We go right for twenty meters and turn left bypassing the electrified wire fence to enter the woods.
Here the path is absent and we orient reaching a large valve where turn left going down to a building.
We go straght on cattle traces that confuse the right path.
We try to exactly follow the sign to overcome this confusing area and, after bypassed the wire again, we go out on the road (km 3.7).
We take the road that starts opposite and leave it at once to turn right into the woods where the trail resumed.
We descend along a creek on the trail that widens to country road.
At a crossroads (4.7 km) we turn right (but it should be better to go left) on a concrete road becomes paved and ends at a crossroads (km 5.1) on itinerary 30.
We go down to the left to the nearby SP 35 that we follow to the left to Vendone (7.3 km).
Height difference: -650 m.
On saddle: 99%
Asphalt: 40%
Remarks:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.