In mtb nella zona di Albenga
Albenga 29
Discesa dal Colle San Bernardo a Cerisola

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 5/2015 connessione
Partenza: Colle San Bernardo
Come arrivare: Il valico è raggiunto dall'itinerario 15, dall'itinerario 16, dall'itinerario 44, dall'itinerario 53.
Itinerario.
Dal grande piazzale sul Colle prendiamo la strada sterrata che va in direzione ovest (indicazioni per monte Galero).
La strada costeggia una torre eolica e sale rimanendo nei pressi del crinale. Ad un incrocio (km 1,4) teniamo la sinistra e proseguiamo fino a raggiungere il Bocchino delle Meraviglie (abbondante segnaletica; km 3,2).
Lasciamo a destra l'itinerario 23 e saliamo a sinistra su una strada più stretta. Quando la pendenza aumenta dobbiamo superare a spinta qualche tratto coperto di pietrisco.
Dopo un tornante troviamo un bivio (km 3,6) dove abbandoniamo la strada e saliamo nel sentiero a sinistra (segnavia AVphp ).
Il sentiero inizia con un alto gradino e prosegue con minori difficoltà nella faggeta. Superiamo parecchi tratti non ciclabili e raggiungiamo un altro bivio (km 4,6) dove proseguiamo diritti.
Il sentiero presenta numerosi saliscendi, anche ripidi, ed attraversa tutto il versante orientale del monte.
Un'ultima discesa ci porta al netto Passo delle Caranche (km 5,8).
Giriamo a sinistra sul sentierino (segnavia FIE r13 ) che sale leggermente per attraversare la crestina rocciosa.
Dopo alcuni metri in discesa il sentiero sale verso un torrione roccioso e ne attraversa la base utilizzando una cengia.
Attraversiamo con cautela il roccioso versante meridionale del Monte delle Penne. Inizia l'interminabile traversata in direzione del monte Alpe.
La discese sono alternate da salite che permettono di attraversare le innumerevoli creste.
Una salita ci porta a un prato che attraversiamo per raggiungere una roccia con segnavia (km 7). Una freccia sembra indicare che la prosecuzione sia in basso a destra.
Scendiamo attraverso il ripido prato cercando di evitare qualche ostacolo e piegando a sinistra per trovare un passaggio tra i noccioli.
Entrati nel bosco purtroppo non troviamo traccia del segnavia e neppure del sentiero.
Pieghiamo a sinistra e scendiamo ancora un po' per aggirare una parete rocciosa. Abbiamo perso circa sessanta metri di dislivello e dobbiamo evitare di scendere di più.
Aggirate le rocce troviamo una traccia di un vecchio sentiero che è molto utile perchè ci guida correttamente.
Ritroviamo il segnavia e scendiamo in un avvallamento da cui dobbiamo uscire con salita non ciclabile fino a guadagniare un crinale tra grandi rocce (km 7,9).
Improvisamente il sentiero diventa evidente e continua con percorso tormentato per aggirare alla base i molti speroni di roccia.
Dopo aver attraversato due selle erbose saliamo a una cima panoramica (km 8,7) da cui scendiamo tra le rocce del crinale con percorso spettacolare e meno difficile di quanto sembri.
Attraversiamo una larga sella e percorriamo il crinale con percorso sempre tortuoso tra le rocce.
Ritornato sul versante meridionale il sentiero prosegue con innumerevoli saliscendi fino ad arrivare a un bivio (km 10,9) dove saliamo a sinistra.
Il sentiero raggiunge un poggio panoramico (km 11) dove si biforca. Seguiamo il ramo di destra meno ripido e al primo bivio andiamo a sinistra, abbandonando i segnavia, uscendo sul crinale (km 11,1).
Iniziamo una discesa difficile su un ripido sentiero che perde quota con qualche tornante.
Il sentiero termina su una strada forestale (km 12,2) di cui seguiamo il ramo di destra. Raggiungiamo un bivio (km 12,5) dove lasciamo a sinistra il segnavia r13 (incongruo perchè non dovrebbe essere qui).
Scendiamo ad attraversare un ruscello (km 12,8) dove la strada termina e prosegue il sentiero.
Attraversiamo alcune sorgenti e saliamo all case Tuberto (km 13,2) dove inizia la strada.
Scendiamo velocemente a un bivio (km 15,3) dove voltiamo a destra attraversando un ponte.
La strada sale e diventa asfaltata alle prime case di Cerisola (km 15,6).
Scendiamo alla chiesa attraversando la piazza per imboccare un vicolo che scende ed esce dalla frazione.
Attraversiamo la strada (km 15,9) e imbocchiamo la mulattiera erbosa che scende a un ponte (km 16) e all'asfalto presso una borgata.
Dislivello: -1140 m. e + 680 m.
Ciclabilità: 89%
Asfalto: 1%
Osservazioni: itinerario poco ciclabile ed estremamente faticoso.

mappa gps  foto  foto  foto  foto  foto  foto


Updating: 2015/5
Start point: St. Bernardo Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 15, by the itinerary 16, by the itinerary 44, by the itinerary 53.
Itinerary.
From the great square on the Pass we take the dirt road that it goes to west direction (indications for mountain Galero).
The road skirts a wind tower and climbs remaining near the ridge. At an intersection (km 1,4) we keep on the left and continue up to reach the Bocchino delle Meraviglie (abundant system of signs; km 3,2).
We leave to the right the itinerary 23 and we climb to the left on a more narrow road. When the inclination increases we have to overcome on foot some tract covered with rubble.
After a hairpin bend we find a fork (km 3,6) where we leave the road and go up to the left on the path (trail sign AVphp ).
The path begins with a high step and continues with smaller difficulties on the beech forest. We overcome quite a lot non cycle tracts and we reach another fork (km 4,6) where continue straight.
The path preents a lot of ups and downs, also steep, and it crosses the whole oriental slope of the mountain.
A last descent brings us to the definite Caranche Pass (km 5,8).
We turn to the left on the narrow path (trail sign FIE r13 ) that slightly climbs for crossing the rocky ridge.
After some meters in descent the path climbs toward a rocky tower and crosses the base of it using a ledge.
We cross with caution the rocky southern slope of the Mountain of the Pens. It begins the interminable crossed in direction of the Alpe mountain.
The descents are alternate by slopes that they allow to cross the innumerable ridges.
A slope brings us to a lawn that we cross for reaching a rock with trail sign (km 7). An arrow seems to point out that the prosecution is in low to the right.
We go down through the steep lawn trying to avoid some obstacle and bending to the left for finding a passage among the cores.
Entered the wood unfortunately we don't find trace of the trail sign and even of the path.
We turn to the left and again go down some to revolve a rocky wall. We have lost around sixty meters gradient and we have to avoid to go down more.
After revolve the rocks we find a trace of an old path that is very useful because it correctly drives us.
We find again the trail sign and we go down in a subsidence from which we have to go out with non cycle slope up to earn a ridge among great rocks (km 7,9).
Suddenly the path becomes evident with tormented run and it continues to revolve to the base the many spurs of rock.
After having crossed two grassy saddles we go up to a panoramic top (km 8,7) from which go down among the rocks of the ridge with spectacular and less difficulty than it seems run.
We cross a wide saddle and always cross the ridge with tortuous run among the rocks.
Returned on the southern slope the path it continues with innumerable ups and downs to reach a fork (km 10,9) where we climb to the left.
The path reaches a panoramic knoll (km 11) where it forks. We follow the less steep branch of right and at the first fork we go to the left, abandoning the trail signs, going out on the ridge (km 11,1).
We begin a difficult descent on a steep path that loses altitude with some hairpin bend.
The path finishes on a forest road (km 12,2) of which we follow the branch of right. We reach a fork (km 12,5) where leave to the left the trail sign r13 (incongruous because it should not be here).
We go down to cross a brook (km 12,8) where the road finishes and continues the path.
We cross some sources and climb houses Tuberto (km 13,2) where the road begins.
We quickly go down to a fork (km 15,3) where we turn to the right crossing a bridge.
The road climbs and becomes asphalted at the first houses of Cerisola (km 15,6).
We go down to the church crossing the square to take an alley that goes down and it goes out of the hamlet.
We cross the road (km 15,9) and take the grassy mule-track that goes down to a bridge (km 16) and to the asphalt near a village.
Gradient: -1140 ms. and + 680 ms.
Cycle: 89%
Asphalt: 1%
Observations: a little cycle and extremely fatiguing itinerary.


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.