Itinerari mtb intorno ad Aiona e Penna
Itinerario 19
Discesa dal monte Aiona a Cerisola

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 10/2012 connessione
Partenza: monte Aiona
Come arrivare: La montagna è salita dall'itinerario 1 e dall'itinerario 2.
Itinerario.
In comune con l'itinerario 3 dalla vetta dell'Aiona seguiamo verso sud il sassoso e largo crinale seguendo il segnavia FIE g51. Raggiungiamo così il sentiero AVphp e svoltiamo a sinistra seguendo i vari segnavia.
La discesa ci porta ad una zona pianeggiante che attraversiamo. Al suo termine inizia la discesa che termina al Passo della Spingarda (km 1,5).
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la strada forestale che, dopo una sbarra, scende agevolmente nella foresta. Superiamo una panoramica spalla con tavola geologica e giungiamo all'incrocio con un'altra strada (km 3,4).
Svoltiamo a sinistra e saliamo fino al termine della strada (km 4,6).
Proseguiamo sul sentiero che, in pochi metri, ci porta a scavalcare il Passo del Cerighetto.
Seguiamo il buon sentiero ed arriviamo rapidamente ad un bivio (km 4,9) dove abbandoniamo il sentiero e svoltiamo a destra in un sentiero più stretto segnalato con A1 e g3.
La discesa è ripida, con tratti molto dissestati. Dopo trecento metri la pendenza diminuisce e scendiamo tra i faggi fino ad alcuni ruscelli (km 5,7) che formano una zona fangosa. Passiamo con difficoltà e saliamo leggermente.
Il sentiero attraversa la foresta con parecchi saliscendi più o meno accentuati.
Arriviamo ad un bivio poco visibile (km 6,1) dove lasciamo il sentiero principale ed il segnavia g3 e svoltiamo a sinistra sul segnavia A1.
Seguiamo il sentiero in discesa per pochi metri e lo lasciamo svoltando a destra. Il sentiero attraversa in discesa per raggiungere un piano nel bosco (km 6,3).
Affrontiamo ora una lunga discesa quasi sulla linea di massima pendenza. Il percorso sarebbe molto veloce ma dobbiamo fare attenzione ai numerosi ramoscelli, inoltre il sentiero è poco evidente ed i segnavia rari e poco visibili.
Scendiamo ripidamente fino ad un ruscello (km 7,5) ed andiamo diritti al vicino bivio.
Scendiamo ancora incontrando un tratto rovinato da un ruscello. Il percorso è ora più agevole ed alterna zone quasi pianeggianti con qualche ripida discesa, spesso sul fondo acciottolato di una antica mulattiera.
Lasciamo a sinistra il segnavia g57 che porta alla vicina cascata della Ravezza e proseguiamo diritto.
Attraversiamo zone a pascolo nel bosco rado. All'incrocio con una strada campestre (km 8,9) proseguiamo diritti e lasciamo la stradina alla prima curva proseguendo sulla mulattiera.
Scendiamo ad un notevole bivio (km 9,2) dove lasciamo a sinistra la strada per il Lago delle Lame ed i segnavia A1 e g57 e svoltiamo a destra (segnavia FIE g28).
Scendiamo per attraversare un canale, saliamo leggermente ed attraversiamo una zona di prati sfalciati e casoni agricoli fino ad un incrocio (km 9,7; crocifisso, fontana, panche; località Cerreie).
La mulattiera giunge ad un tabernacolo e scende ad un bivio (km 10,1). La larga mulattiera raggiunge un lavatoio e Cerisola (km 10,3).
Prendiamo la stradina di fronte e passiamo tra le case per scendere ad incrociare la SP654. Siamo a circa un chilometro da Magnasco.
Dislivello: -990 m.
Ciclabilità: 94%
Osservazioni:
Asfalto: 1%


   gps  foto  foto  foto


Descent from Aiona mountain to Cerisola

Updating: 10/2012
Start point: Aiona mountain
How to arrive: The mountain is climbed by the itinerary 1 and by the itinerary 2.
Itinerary.
In common with the itinerary 3 from the peak of the Aiona we follow toward south the stony and large ridge following the trail sign g51. We reach so the path AVphp and we turn to the left following the various trail signs.
The descent brings us to a level zone that we cross. To its term it begins the descent that finishes to the Pass of the Spingarda (km 1,5).
We turn to the left and we follow the forest road that, after a bar, it easily goes down in the forest. We overcome a panning shoulder with geologic table and we reach the intersection with another road (km 3,4).
We turn to the left and go up to the term of the road (km 4,6).
We continue on the path that, in few meters, it brings us to climb over the Pass of the Cerighetto.
We follow the good path and we quickly arrive to a fork (km 4,9) where we leave the path and we turn to the right on a more narrow path signalled with A1 and g3.
The descent is steep, with tracts very ruined. After three hundred meters the inclination decreases and we goes down among the beech trees to some brooks (km 5,7) that they form a muddy zone. We pass with difficulty and we slightly climb.
The path crosses the forest with quite a lot ups and downs more or less accented.
We arrive to a little visible fork (km 6,1) where we leave the main path and the trail sign g3 and we turn to the left on the trail sign A1.
We follow the path in descent for few meters and we leave it turning to the right. The path crosses in descent to reach a plain in the wood (km 6,3).
We face now a long descent almost on the line of maximum inclination. The run would be very fast but we has to watch out for the numerous twigs, besides the path is a little evident and the rare trail signs and few visible.
We steeply go down to a brook (km 7,5) and we go straight to the near fork.
We again go down meeting a tract ruined by a brook. The run is easier and alternate almost level zones with some steep descent now, often on the clattered ground of an ancient mule-track.
We leave to the left the trai sign g57 thet it brings the near fall of the Ravezza and we continue straight.
We cross zones to pasture on the thin wood. To the intersection with a rural road (km 8,9) we continue straight and we leave the narrow road to the first curve continuing on the mule-track.
We go down to a notable fork (km 9,2) where we leave to the left the road to the Lake of the Lame and the trail signs A1 and g57 and we turn to the right (trail sign FIE g28).
We go down for crossing a channel, we slightly climb and we cross a zone of lawns and agricultural building to an intersection (km 9,7; crucifix, fountain, benches; place Cerreie).
The mule-track comes to a tabernacle and goes down to a fork (km 10,1). The wide mule-track reaches a drinking trough and Cerisola (km 10,3).
We take the opposite narrow road and we pass among the houses to go down to cross the SP654. We are to around a kilometer from Magnasco.
Gradient: -990 ms.
Cycle: 94%
Observations:
Asphalt: 1%

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.