Itinerari mtb intorno ad Aiona e Penna
Itinerario 17
Traversata da Cabanne a Malanotte

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 1/2011 connessione
Punto di partenza: Cabanne
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 43.
Itinerario. Dal paese, allungato sulla strada, scendiamo verso est in direzione del fiume seguendo il segnavia FIEg52 .
Attraversiamo il torrente Aveto su una passerella oppure a guado (in caso di piena la passerella viene ritirata ed è possibile attraversare seguendo la SP verso Rezzoaglio fino al ponte. Occorre poi costeggiare il fiume risalendolo in riva destra orografica per tracce di passaggio).
Dopo il guado proseguiamo su una strada lastricata che sale, costeggiando il rio Bozale, con pendenza moderata. L'ampiezza della strada testimonia l'importanza che ebbe questa "via del sale".
Guadiamo più volte il torrente ed i ruscelli affluenti e raggiungiamo un'area pic-nic (km 1,3).
La strada prosegue e termina ad un guado in corrispondenza della confluenza tra due torrenti (km 1,6).
La mulattiera prosegue nei pressi del torrente, spesso rovinata dall'acqua. Con percorso poco ciclabile giungiamo all'ultima impedalabile salita. Saliamo con qualche tornante ed usciamo alla piccola sella del Passo del Bozale (km 2,6) dove sorge una cappella che può offrire ricovero.
Trascuriamo i segnavia a destra e a sinistra e prendiamo il sentiero in discesa a fianco della chiesetta (segnavia FIE r7).
La mulattiera scende nella foresta con qualche svolta. Superiamo un breve tratto dissestato e giungiamo sulla SP586 in località La Squazza (km 4,4).
Attraversiamo l'asfalto ed imbocchiamo la mulattiera a fianco del vecchio ristorante.
Il primo tratto richiede particolare attenzione per evitare cocci di vetro e lamiere. Il tratto è anche disturbato dai rovi che cercano di invadere la mulattiera.
Giungiamo ad un cascinale (km 4,5) ed attraversiamo il cortile uscendo attraverso un cancelletto. Dobbiamo affrontare un altro tratto pieno di rovi prima di raggiungere un rudere (km 4,9) da cui proseguiamo con meno problemi.
Passiamo nel pressi di una casa ed attraversiamo una strada asfaltata (km 5,4). Proseguiamo su un'ampia sterrata che lasciamo dopo qualche metro per prendere un'altra strada a sinistra.
Attraversiamo due cancelli e passiamo nei pressi di un agriturismo. Non proseguiamo sulla strada in discesa ma la lasciamo per prendere il sentiero a destra (km 5,6).
Il percorso è pianeggiante ma dobbiamo superare un paio di tratti franati. Giungiamo ad una casa (km 5,7) in rovina, la costeggiamo e scendiamo ad attraversare una strada sterrata.
La mulattiera prosegue senza difficoltà fino ad un cancelletto (km 5,9). Attraversato il cancello troviamo il sentiero invaso da rovi e piante. Scendiamo con fatica e con rischio di foratura (eventualmente è possibile percorrere il prato a destra, ma il proprietario potrebbe non essere d'accordo).
Finalmente le spine finiscono e proseguiamo facilmente sulla mulattiera, ora molto larga ed erbosa, fino al suo termine sull'asfalto (km 6,5) tra alcune case.
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la strada che attraversa su un ponte il torrente Sturla e sale, costeggiando il Lago di Malanotte, ad incrociare la SP586 (km 7). Siamo a 5 km da Bargone.
Dislivello: -570 m e +200 m.
Ciclabilità: 90%
Osservazioni: la parte non ciclabile è tutta nella salita al Passo di Bozale. In discesa alcuni tratti sono soggetti ad infrascamento: attenzione ai mesi caldi.
Asfalto: 8%


 gps  foto  foto  foto


Crossing from Cabanne to Malanotte

Updating: 1/2011
Start point: Cabanne
How to arrive: The village is reached by the itinerary 43.
Itinerary.
From the country, lengthened on the road, we go down toward east in direction of the river following the trail sign FIEg52 .
We cross the stream Aveto on a gangway or to ford (in case of flood the gangway is withdrawn and it is possible to cross following the SP toward Rezzoaglio up to the bridge. It is necessary then to skirt the river on orographic right shore for traces of passage).
After the ford we continue on a paved road that climbs, skirting the brook Bozale, with moderate inclination. The ampleness of the road testifies the importance that had this "the salt's road".
We ford more times the stream and the tributaries brooks and we reach an area pic-nic (km 1,3).
The road continues and finishes to a ford in correspondence of the confluence among two streams (km 1,6).
The mule-track continues near the stream, often ruined by the water. With a little cycle run we reach the last no cycle ascent. We climb with some hairpin bends and we go out to the small saddle of the Pass of the Bozale (km 2,6) where it rises a chapel that can give refuge.
We neglect to the right and to the left the trail signs and we take the path in descent beside the church (trail sign FIE r7).
The mule-track goes down in the forest with some turn. We overcome a short rough tract and we come on the SP586 in the place La Squazza (km 4,4).
We cross the asphalt and we take the mule-track beside the old restaurant.
The first tract asks for particular beware to avoid crocks of glass and plates. The tract is also disturbed by the brambles that they try to invade the mule-track.
We come to a barn (km 4,5) and we cross the courtyard going out through a small gate. We have to face another tract full of brambles before reaching a ruin (km 4,9) from which we continue with less problems.
We pass in the near of a house and we cross an asphalted road (km 5,4). We continue on an ample unsurfaced road that we leave after some meter to take to the left another road.
We cross two gates and we pass near an agritourism. We don't continue on the road in descent but we leave it to take to the right the path (km 5,6).
The run is level but we has to overcome a pair of slipped tracts. We come to a house (km 5,7) in downfall, we skirt it and we go down to cross an unmetalled road.
The mule-track continues without difficulty to a small gate (km 5,9). Crossed the gate we find the path invaded by brambles and plants. We go down with work and with risk of perforation (it is eventually possible to cross to the right the lawn, but the owner would be able not to agree).
Finally the thorns end and we easily continue on the mule-track, now very wide and grassy, up to its term on the asphalt (km 6,5) among some houses.
We turn to the left and we follow the road that crosses on a bridge the stream Sturla and climb, skirting the Lake of Malanotte, to cross the SP586 (km 7). We are to 5 kms from Bargone.
Gradient: -570 ms and +200 ms.
Cycle: 90%
Observations: the non cycle part is all in the ascent to the Pass of Bozale. In descent some tracts are subject to be invaded by brambles: beware to the warm months.
Asphalt: 8%

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.