Itinerari mtb intorno ad Aiona e Penna
Itinerario 02
Salita da Magnasco al monte Aiona

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 9/2009. connessione
Partenza: Magnasco
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 7 e dall'itinerario 14.
Itinerario.
Dalla chiesa del paese proseguiamo sulla provinciale fino ad un evidente incrocio con una strada che sale a destra (indicazioni per Lago delle Lame; km 0,4). Saliamo su questa strada fino ad arrivare sulle sponde del Lago (albergo, km 3).
Superiamo la sbarra, attraversiamo il piazzale ed imbocchiamo l'ampia sterrata a destra, pianeggiante all'inizio (indicazioni per la Cappelletta).
La strada sale con ampi tornanti fino ai Laghi delle Agoraie, e costeggia la recinzione della riserva integrale.
Al bivio (km 6,9) svoltiamo a destra in discesa fino al Lago Lagastro (o Moggetto; km 7,8) dove riprendiamo a salire fino a superare un valico (Passo della Gonella; km 9). In moderata discesa giungiamo alle costruzioni forestale ed alla Cappella delle Lame (km 9,4).
La strada prosegue (dopo la sbarra attenzione alle auto) con qualche saliscendi e raggiunge la strada che sale da Giacopiane (km 12,5) dove continuiamo a sinistra.
Dopo una salita scendiamo fino ad incrociare la strada che sale da Prato (km 15,1). Qui saliamo a sinistra e raggiungiamo una Cappelletta (km 17,7).
La strada prosegue per raggiungere il rifugio Pratomollo che dista un centinaio di metri.
Noi svoltiamo a sinistra e saliamo su una sterrata che sale a fianco della Cappella.
Raggiungiamo facilmente il passo della Spingarda (km 18,3). Crocevia di sentieri.
Il Monte Aiona è alla nostra sinistra. Affrontiamo a piedi il ripido pendio pietroso raggiungendo un breve altopiano sottostante la vetta. Attraversiamo l'altopiano e superiamo l'ultima salita che termina sulla dorsale che, seguita a destra, porta alla croce di vetta (km 19,8).
Dislivello: 1060 m
Ciclabilità: 100% (fino alla Spingarda).
Asfalto:15%
Osservazioni:


 foto  foto  foto  gps

Ascent from Magnasco to the Aiona mountain

Updating: 9/2009

Start point: Magnasco
How to arrive: The village is reached by the itinerary 7 and by the itinerary 14.
Itinerary.
From the church of the country we continue on the provincial road to an evident intersection with a road that climbs to the right (indications for Lake of the Lame; km 0,4). We climb on this road until to arrive on the banks of the Lake (hotel, km 3).
We overcome the bar, we cross the square and we take to the right the ample unmetalled road, level at the beginning (indications for the Cappelletta).
The road climbs with ample hairpin bends up to the Lakes of the Agoraie, and it skirts the enclosure of the integral reserve.
To the fork (km 6,9) we turn to the right in descent up to the Lake Lagastro (or Moggetto; km 7,8) where we climb again up to overcome a pass (Pass of the Gonella; km 9). In moderate descent we reach the constructions of foresters and to the Chapel delle Lame (km 9,4).
The road continues (after the bar beware to the cars) with some ups and downs and it reaches the road that climbs from Giacopiane (km 12,5) where we continue to the left.
After an ascent we go down to cross the road that climbs from Prato Sopralacroce (km 15,1). We climb to the left and we reach a Small chapel (km 17,7).
The road continues for reaching the refuge Pratomollo hundred meters far.
We turn to the left and we climb on an unsurfaced road that climbs beside the Chapel.
We easily reach the pass of the Spingarda (km 18,3). Crossroad of paths.
The Aiona Mountain is to our left. We face on foot the steep stone slant reaching a brief highland below the peak. We cross the highland and we overcome the last ascent that finishes on the ridge that, follows to the right, brings to the cross on the peak (km 19,8).
Gradient: 1060 ms
Cycle: 100% (up to the Spingarda).
Asfalto:15%
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.