Percorsi mtb in Val Tanaro
Itinerario 69
Discesa dal Colle dei Giovetti a Bagnasco, 1

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 4/2014 connessione
Partenza: Colle dei Giovetti
Come arrivare: Il passo è raggiunto dall'itinerario 19, dall'itinerario 79, dall'itinerario 63.
Itinerario.
Dal Colle dei Giovetti andiamo verso sud per qualche metro e giriamo a destra imboccando la sterrata seguendo il segnavia g19 e l'itinerario 19 al contrario.
La strada attraversa le pendici del Bric Giovetti e sale al culmine dove andiamo diritti al bivio (km 0,7).
Dopo una modesta discesa la strada sale ripida al bivio dove sorge casa Baraccone (km 1,4).
Giriamo a destra e saliamo a un valico (km 1,5) che precede di qualche metro un bivio.
Al bivio svoltiamo a destra e imbocchiamo la traccia dei veicoli forestali che sale ripida seguendo il crinale.
Seguiamo costantemente il crinale, quasi sempre non ciclabile, fino a raggiungere una poco evidente sella (km 1,7).
Svoltiamo a sinistra e, senza salire, attraversiamo la foresta per raggiungere la cresta settentrionale del monte.
La traccia di sentiero è praticamente invisibile ma possiamo scendere senza problemi se restiamo sempre sul filo o vicinissimi ad esso.
Superiamo due quasi irrilevanti dossi, comunque aggirabili a sinistra, e attraversiamo la zona disboscata al cui termine il sentiero diventa ben visibile.
Arriviamo su una piccola pista forestale (km 3) e la attraversiamo proseguendo sul sentiero.
A un certo punto (km 3,8) il sentiero lascia il crinale e scende a sinistra per aggirare una parte troppo ripida.
A un bivio il sentiero si divide in due tracce non molto evidenti (km 4,3); scendiamo a sinistra ma le due tracce più avanti si ricongiungono.
Il sentiero gira a destra e scende alla sponda del ruscello (km 4,6) Non guadiamo ma seguiamo la larga mulattiera sulla riva sinistra.
Costeggiamo a lungo il torrente fino a un bivio (km 5,2) che precede di pochi metri il ruscello: possiamo entrare nel torrente e seguirne il greto oppure prendere il sentiero a sinistra.
Dopo cinquanta metri ritorniamo sulla stradina forestale e la seguiamo fin dove è interrotta da molti alberi caduti (km 5,6).
Qui scendiamo a destra a guadare il ruscello e ci arrampichiamo per qualche metro sull'altra sponda.
Il sentiero scende subito sulla riva destra e la segue per un po'. Guadiamo ancora due volte e proseguiamo facilmente costeggiando un prato fino a raggiungere la larga strada (km 6,2) di fondovalle.
Svoltiamo a destra sulla strada che diventa asfaltata e segue la valle del Rio Gambologna.
Incontriamo l'itinerario 41 e lo seguiamo fino al vecchio e caratteristico ponte pedonale sul Tanaro (km 8,1).
Attraversiamo il ponte e seguiamo a destra la SS 28 entrando a sinistra appena possibile tra le case di Bagnasco. Seguiamo le stradine fino al Municipio (km 8,8).
Dislivello: -570 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 29%
Osservazioni:

 mappa  foto  foto  foto  foto  foto  gps


Updating: 4/2014
Start point: Giovetti Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 19, by the itinerary 79, by the itinerary 63.
Itinerary.
From the Giovetti Pass we go toward south for some meter and we turn to the right taking the dirt road following contrarily the trail signg19and the itinerary 19.
The road crosses the slopes of the Bric Giovetti and goes to the peak where we go straight at the fork (km 0,7).
After a modest descent the road climbs steep to the fork where house Baraccone rises (km 1,4).
We turn to the right and we climb a pass (km 1,5) that it precedes of some meter a fork.
At the fork we turn to the right and take the track of the forest vehicles climbing the few cycle ridge.
At a little evident pass we turn right and cross th wood without climb.
We arrive the north ridge of the mountain and go down remaining always on the ridge or very close to it.
We overcome two irrilevant backs, however avoidable to the left, we cross the deforested area to whose term the path becomes well visible.
We cross a forest footstep (km 3) and continue on the not large but clean, easy and evident path.
At one point (km 3,8) the path leaves the ridge and goes down to the left for revolving a too steep part.
To a fork the path splits in two not evident traces (km 4,3); we go down to the left but the two traces later they rejoin.
The path turns to the right and goes down to the bank of a brook (km 4,6); we don't ford but follow the wide mule-track on the left shore.
We skirt for a long time the brook up to a fork (km 5,2) that it precedes of few meters the brook: we can enter the stream and to follow its pebbly shore or take to the left the path.
After fifty meters we return on the forest narrow road and we follow it as far it's interrupted by many fallen trees (km 5,5).
We go down to the right here to ford the brook and we climb for some meter on the other bank.
The path immediately goes down on the right shore and follows it for a while. We ford twice again and easily continue skirting a lawn up to reach the wide road (km 6,2) of valley floor.
We turn to the right on the road that becomes asphalted and it follows the valley of the Rio Gambologna.
We meet the itinerary 41 and we follow it up to the old and characteristic pedestrian bridge on the Tanaro (km 8,1).
We cross the bridge and we follow to the right the SS 28 entering to the left as soon as possible among the houses of Bagnasco. We follow the narrow streets up to the Town hall (km 8,5).
Gradient: -570 ms.
Cycle: 98%
Asphalt: 29%
Observations:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.