Percorsi mtb in Val Tanaro
Itinerario 31
Discesa dal monte Mindino a Garessio

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 8/2007 connessione
Punto di partenza: Bric Mindino
Come arrivare: La montagna è raggiunta dall'itinerario 1, dall'itinerario 3 e con la prima parte dell'itinerario 20 seguito al contrario.
Itinerario.
Dalla vetta scendiamo lungo la strada sterrata fino al primo bivio (km 0,5). Qui svoltiamo a destra seguendo la comoda sterrata che costeggia le pendici del monte e raggiunge il crinale. Quando la stradina inizia a salire (km 1,4) la lasciamo e scendiamo a destra seguendo una traccia nel prato, in comune con l'itinerario 2.
Non perdiamo troppa quota ma andiamo in diagonale a sinistra. Presso alcuni alberi troviamo una traccia più marcata che scende alla strada dell'acquedotto. Seguiamo la strada fino ai ruderi degli impianti di sci a Pian del Bal (km 2,4; qui si può arrivare anche seguendo la strada di crinale).
Lasciamo la strada che prosegue, svoltiamo a destra e seguiamo la larga strada forestale che scende.
Al primo tornante (km 3,6) lasciamo la strada per Viola e scendiamo a destra sul tracciato principale.
Superiamo un torrente (km 4) e saliamo leggermente. Proseguiamo in discesa uscendo sulla larga sella prativa del Colle di Pratorotondo (km 4,8).
Al Colle imbocchiamo la strada che scende in direzione di Deversi (itinerario 3 al contrario). Dopo due tornanti abbandoniamo questa strada quando notiamo a destra una stradina dal fondo erboso (km 5,9).
Seguiamo la stradina che inizia in leggera discesa e prosegue poi in salita. Attraversiamo un ruscelletto e continuiamo sulla strada, ora più larga, che scende ad un incrocio (km 8) nei pressi di un rudere.
Svoltiamo a sinistra nella strada che proviene dalla Colla di Casotto e la seguiamo in discesa tra i pascoli.
La strada si allarga e scende con qualche tornante per terminare (km 11,6) sulla strada carrozzabile, parzialmente asfaltata, che collega Cappello con Mindino.
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la strada superando la chiesa e le poche case di Mindino. La strada scende con qualche tornante. Quando incontriamo una sterrata che sale a sinistra (km 14) la prendiamo. Dopo i primi metri in salita la strada scende tra i castagni. Ad un bivio (km 14,8) la lasciamo per scendere a destra in una strada minore. Dopo pochi metri teniamo a sinistra ad un bivio e scendiamo a ritrovare la strada maggiore (km 15).
Continuiamo a scendere e raggiungiamo alcune cascine. Attraversiamo i cortili (andare piano!) e proseguiamo sulla strada per pochi metri fino ad un bivio (km 15,1) dove andiamo a sinistra.
Seguiamo una strada forestale che scende ad incrociare una pista di disbosco (km 15,5) dove svoltiamo a destra. La pista ora è sporca per le foglie ed i rami ma il tracciato rimane leggibile. Scendiamo passando presso alcuni ruderi (km 16,4) dove la strada inizia a migliorare.
Scendiamo rapidamente trascurando le strade minori ed arriviamo ad un incrocio (km 17,7).
Andiamo a sinistra (la pista a destra scende ai Bastianetti, variante 31.1) e subito dopo a destra. Scendiamo ad un incrocio dove teniamo la sinistra, superiamo un ponte e saliamo a Piangranone (km 18,1) dove incontriamo l'itinerario 3.
Seguendo la strada asfaltata scendiamo alla strada statale (km 18,7). Per raggiungere Garessio attraversiamo la statale prendendo una stradina che ci porta ad un passaggio a livello (non aspettate che si apra, è sempre chiuso). Al di là della ferrovia troviamo una stradina asfaltata che, seguita a destra, porta a Garessio (stazione km 22,2)
Dislivello: -1370 m.
Ciclabilità: 100%
Asfalto: 23%.
Osservazioni:
Variante 31.1: al bivio svoltiamo a destra e scendiamo velocemente ad una strada asfaltata nei pressi di alcune case (km 0,5). Svoltiamo a sinistra e raggiungiamo la statale (km 0,9).


mappa  gps  foto


Descent from Mindino mountain to Garessio

Updating:
8/2007
Start point: Mindino Peak
How to arrive: The mountain is reached by the itinerary 1, by the itinerary 3 and by the first part of the itinerary 20 followed contrary.
Itinerary.
From the peak we go down on the metalled road up to the first fork (km 0,5). We turn to the right here following the comfortable dirt road that skirts the slopes of the mountain and it reaches the ridge. When the narrow road begins to climb (km 1,4) we leave it and we go down to the right following a trace in the lawn, in common with the itinerary 2.
We don't lose too altitude but we go in diagonal to the left. Near some trees we find a more marked trace that it goes down to the road of the aqueduct. We follow the road up to the ruins of the ski-plant to Pian of the Bal (km 2,4; here we can also arrive following the road on the ridge).
We leave the road that continues, we turn to the right and we follow the wide forest road that goes down.
At the first hairpin bend (km 3,6) we leave the road for Viola and we go down to the right on the principal road.
We overcome a stream (km 4) and we slightly climb. We continue in descent going out on the wide meadow saddle of the Pass of Pratorotondo (km 4,8).
To the Pass we take the road that goes down in direction of Deversi (itinerary 3 contrarily). After two hairpin bends we leave this road when we notice to the right a narrow road with the grassy bottom (km 5,9).
We follow the narrow road that begins in light descent and it continues then in ascent. We cross a brooklet and we continue on the road, now wider, that goes down to an intersection (km 8) near a ruin.
We turn to the left in the road that arrives from Casotto Pass and we follow it in descent among the pastures.
The road widens and goes down with some hairpin bends to finish (km 11,6) on the carriage road, partially asphalted, that connects Cappello with Mindino.
We turn to the left and we follow the road overcoming the church and the few houses of Mindino. The road goes down with some hairpin bends. When we meet a dirt road that climbs to the left (km 14) we turn. After the first meters in ascent the road goes down among the chestnut trees. To a fork (km 14,8) we leave it to go down to the right in a smaller road. After few meters we go to the left to a fork and we go down to find again the most greater road (km 15).
We keep on going down and we reach some farmhouses. We cross the courtyards (to go slow!) and we continue few meter on the road up to a fork (km 15,1) where we go to the left.
We follow a forest road that goes down to cross a deforest track (km 15,5) where we turn to the right. The track is dirty because of the leaves and the branches but the layout it's always legible. We go down passing near some ruins (km 16,4) where the road begins to improve.
We quickly go down neglecting the smaller roads and we arrive to an intersection (km 17,7).
We go to the left (to the right the path goes down to Bastianetti, varying 31.1) and immediately later to the right. We go down to an intersection where we hold the left, we overcome a bridge and we climb to Piangranone (km 18,1) where we meet the itinerary 3.
Following the asphalted road we go down to the government road (km 18,7). To reach Garessio we cross the government road taking a narrow road that brings us to a level crossing (not you wait that opens, it is always closed). On the other side of the railroad we find an asphalted narrow road that, followed to the right, hands to Garessio (station km 22,2)
Gradient: -990 ms.
Cycle: 100%
Asphalt: 30%.
Observations:
Varying 31.1: at the fork we turn to the right and go down quikly to a tarmaced road near some houses. We turn to the left and go to the nationale road (km 0,9).

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.