Percorsi mtb in Val Tanaro
Itinerario 15
Anello di Ormea 2

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 4/2008 connessione
Punto di partenza: Ormea
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 8, dall'itinerario 12, dall'itinerario 13, dall'itinerario 27, dall'itinerario 32, dall'itinerario 47, dall'itinerario 48.
Itinerario.
Partiamo da Piazza della Libertà ad Ormea seguendo in discesa la strada statale. Alla prima curva svoltiamo a destra ed attraversiamo il ponte prendendo poi la stradina a sinistra (km 0,4).
La strada costeggia il Tanaro, giunge ad incrociare la strada che proviene dal ponte S. Pietro e prosegue come pista ciclabile. Costeggiamo il muro della cartiera ed usciamo sulla strada asfaltata (km 3,9).
Proseguiamo diritti costeggiando le fonti S.Bernardo. Prima di raggiungere le case svoltiamo a sinistra ed attraversiamo il Tanaro su un ponte. Una breve salita ci porta sulla statale (km 4,8).
Al di là della strada inizia la stradina che sale per Eca. La prendiamo e saliamo su asfalto.
Arriviamo all´incrocio con la frazione S. Giacomo dove proseguiamo in salita e trascuriamo poi alcune altre deviazioni.
Al termine della salita la strada diventa sterrata (km 9) ed in leggera discesa.
Raggiungiamo l´incrocio con la strada per la Valdinferno dove proseguiamo diritti, in salita. La strada scende e raggiunge le porte di Vacieu (km 10,2) dove trascuriamo la mulattiera a sinistra percorsa dall'itinerario 10.
Lasciamo a destra il sentiero e le case ed incontriamo un bivio dove andiamo diritti. La strada scende ora nel bosco.
Quando incontriamo un grande masso (km 11,2) lasciamo la strada che prosegue la discesa e svoltiamo a destra in una mulattiera che sale.
Senza troppe difficoltà arriviamo su una strada asfaltata (km 11,7) dove svoltiamo a destra e seguiamo l´asfalto che termina ad un ponticello (km 12,3).
Di fronte a noi le poche case di Albra. Le attraversiamo foto seguendo l'unica mulattiera che poco dopo si divide. Prendiamo il sentiero che scende a sinistra, ripido ed esce dal paese. Dopo un centinaio di metri incontriamo un incrocio, poco visibile (segnavia bianco/rosso che ora seguiremo quasi sempre) dove svoltiamo a destra.
Stiamo percorrendo un sentiero stretto ed in salita, non del tutto ciclabile. Superato il punto più alto iniziamo una discesa foto che diventa sempre più difficile per la pendenza, gli stretti tornanti ed il fondo a tratti sassoso.
La discesa termina ad un ponticello che attraversa il rio Peisino (km 13,1) foto.
La salita sulla riva opposta inizia con alcuni metri esposti foto e prosegue ripida, faticosa, poco ciclabile e termina col superamento del crinale (km 13,5).
Dopo una breve discesa proseguiamo in salita nel bosco con pendenze moderate, superiamo un ponticello foto e raggiungiamo una strada con fondo erboso (km 14,1) che seguiamo a sinistra. Andiamo diritti al primo incrocio scendendo per la ripida mulattiera e svoltiamo a destra per entrare tra le case di Villaro (km 14,3) foto.
Attraversiamo le poche case ed usciamo sulla strada comunale asfaltata in corrispondenza della chiesa (km 14,4).
Svoltiamo a destra e poi subito di nuovo a destra. Saliamo una ripida stradina asfaltata fino alla curva a destra (km 14,5). Qui andiamo diritti su una ripida mulattiera non troppo ciclabile.
Arriviamo ad un gruppo di case (km 14,6) dove proseguiamo a sinistra. La salita termina e proseguiamo in discesa raggiungendo la strada comunale all'altezza del cimitero (km 14,8).
Svoltiamo a destra. Saliamo su asfalto fino al tornante a destra dove abbandoniamo l´asfalto (km 15,3) per prendere la sterrata che sale a sinistra.
La breve salita termina alle vicine case Airola. Proseguiamo sul sentiero e scendiamo fino ad una edicola (km 15,6) dove andiamo a destra, ora quasi in piano.
Il sentiero termina su una mulattiera invasa dall'erba (km 16,2). Seguiamo la stradina in salita raggiungendo una fonte. Prendiamo la strada a destra che sale ripida e poco ciclabile ad una cappella (km 16,5) dopo la quale pendenza si attenua.
La salita termina in corrispondenza di alcune rocce con una croce (km 17,4) superate le quali scendiamo per raggiungere il vicino rio Conche (km 17,5) che attraversiamo su due passerelle.
Il sentiero prosegue facilmente fino ai ruderi di Perondo Sottano (km 18,1).
Superiamo il paese con una dura lotta con le alte ortiche. Il sentiero scende e poi va a destra con percorso quasi pianeggiante, ma stretto e disturbato dalla vegetazione.
Infine usciamo sul crinale dove incontriamo una bella mulattiera selciata (km 18,8). La seguiamo in discesa. I primi metri ripidi lasciano il posto a lunghe diagonali nel bosco collegate da tornanti.
Usciamo su una stradina che seguiamo a destra raggiungendo la strada di fondovalle (km 19,7) subito a monte di Valdarmella.
Svoltiamo a sinistra ed attraversiamo il paese proseguendo poi sulla strada asfaltata. Trascuriamo a destra la sterrata percorsa dall´itinerario 14 e scendiamo ad Ormea seguendo la strada comunale (km 24,3).
Dislivello: in salita 800 m.
Ciclabilità: 93%
Asfalto: 70%
Osservazioni: qualora percorriate questo itinerario in senso opposto prestate molta attenzione alla discesa verso il rio Peisino a causa del salto al di sotto del sentiero.
La parte alta dell´itinerario fa parte del percorso detto "Balconata di Ormea" da Eca a Viozene. Le altre parti le ho descritte negli itinerari 14 (Valdarmella/Quarzina) e 11 (Quarzina/Viozene).
Per percorrere la Balconata penso sia consigliabile il periodo primaverile, prima che la crescita della vegetazione crei problemi.


mappa  gps
Ormea 2 loop

Updating:
4/2008
Start point: Ormea
How to arrive: The village is reached by the itinerary 8, by the itinerary 12, by the itinerary 13, by the itinerary 27, by the itinerary 32, by the itinerary 47, by the itinerary 48.
Itinerary.
We depart from Piazza of the Liberty in Ormea following in descent the government road. At the first curve we turn to the right and we cross the bridge taking then to the left the narrow road.
The road skirts along the Tanaro, beginning tarmac then dirt road. After having overcome the road that arrives from the bridge S. Pietro the road it worsens a little. We skirt along the wall of the paper mill and we go out on the tarmac (km 3,4).
We continue straight on skirting along the springs S.Bernardo. Before reaching the houses we turn to the left and we cross the Tanaro on a bridge. A brief ascent leads us on the government road (km 5).
Beyond the road we see the narrow road that climbs for Eca. We take it and climb on tarmac.
We reach the intersection with the fraction S.Giacomo where we continue in ascent then ignore some other deviations.
At the end of the ascent the road becomes dirt (km 9,2) and in light descent.
We reach the intersection with the road for the Valdinferno where we continue straight on, in ascent. Then the road goes down and reaches the doors of Vacieu (km 10,3) where we ignore the mule-track to the left crossed by the itinerary 10.
We leave to the right the path and the houses and we meet a fork where we go straight on. The road now goes down in the wood.
When we meet a great rock (km 11,4) we leave the road that continues the descent and we turns to the right in a mule-track that climbs.
Without difficulty we arrive on a tarmac road (km 12) where we turn to the right and we follow the tarmac that finishes after 500 meters.
In front of us the few houses of Albra. We cross its following the only mule-track that shortly after divides. We take the path that goes down to the left, steep and it goes out of the country. After hundred meters we meet an intersection, few visible (trail sign white/red that now we will almost always follow) where we turn to the right.
We are crossing a narrow path and in ascent, not entirely cycle. Overcome the tallest point we begin a descent that becomes more and more difficult because the inclination, the narrow hairping curves and the ground to stony stretches.
The descent leads to a bridge that crosses the brook Peisino (km 13,35).
The ascent on the opposite shore is steep, fatiguing and no cycle and it finishes with the overcoming of the ridge (km 13,65).
We continue in the wood with moderate inclinations and we reach a road with grassy ground that we follow to the left going down to the first houses of Villaro (km 14,4).
The trail signs tell us to go down on the steep mule-track to the left and we arrive so to the town tarmac road in correspondence of the church (km 14,6).
We turn to the right and then again immediately to the right. Climb a steep narrow tarmac road up to the curve to the right. We go here straight on a steep mule-track not too much cycle.
We arrive to a group of houses (km 14,8) where we continue to the left. The ascent finishes and we continues in descent reaching the town road near the cemetery (km 15).
We turn to the right. Climb on tarmac up to the hairping curve to the right where we leave the tarmac (km 15,6) to take to the left the dirt road that climbs.
The brief ascent finishes to houses Airola. We continue on the path and we go down for a stretch to go then on the right, now almost in plain.
The path finishes on a mule-track invaded by the grass (km 16,45). We follow the narrow road in ascent reaching a spring. We take to the right the road that steep and few cycle climbs a chapel (km 16,8) after that inclination weakens.
The ascent finishes in correspondence of some rocks with a cross (km 17,6) cross over which go down to reach the near brook Conche that we cross on two footbridge.
The path it easily continues up to the ruins of Perondo Sottano (km 18,3).
We get over the country with a hard struggle with the tall nettles. The path goes down and then it goes to the right with run almost level, but narrow and disturbed by the vegetation.
We finally go out on the ridge where we meet a beautiful paved mule-track (km 19). We follow it in descent. The first steep meters leave the place to long diagonals in the wood connected by hairping curves.
We go out on a narrow road that we follow to the right reaching the road of floor of the valley (km 19,8) immediately to mount of Valdarmella.
We turn to the left and we cross the country continuing then on the tarmac road. We ignore to the right the dirt road crossed by the itinerary 14 and we go down to Ormea following the town road (km 24,6).
Gradient: in salita 800 m.
Cycle: 93%
Tarmac: 70%
Observations: if goes through this itinerary in opposite sense be careful to the descent toward the brook Peisino because of the jump below the path.
The heigh part of the itinerary is part of the run said "Balcony of Ormea" from Eca to Viozene. The other parts I have described in the itineraries 14 (Valdarmella/Quarzina) and 11 (Quarzina/Viozene).
To cross the Balcony I think both advisable the spring period, before the growth of the vegetation creates problems.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.