Percorsi mtb in Val Tanaro
Itinerario 11
Traversata da Ormea a Viozene

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 5/2009 connessione
Punto di partenza: Ormea
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 8, dall'itinerario 12, dall'itinerario 13, dall'itinerario 27, dall'itinerario 32, dall'itinerario 47, dall'itinerario 48.
Itinerario.
Da Ormea seguiamo la SS 28 in direzione del Col di Nava. Dopo 1 km svoltiamo a destra prendendo la strada per Aimoni.
La strada sale e porta ad un incrocio (km 4). Lasciamo a sinistra il paese e a destra la strada della Balconata di Ormea e proseguiamo in salita.
Ancora qualche tornante ed arriviamo all´incrocio (km 5) con la strada che sale alla Colma. Qui andiamo diritti.
La strada continua asfaltata e sale tagliando tutto il versante. Infine termina alla chiesa di Quarzina (km 8).
Proseguiamo svoltando quasi subito a destra (lavatoio, indicazioni per La Colma). Al primo tornante abbandoniamo questa strada per andare a sinistra in una strada sterrata in leggera salita.
La strada sale ad un bivio dove andiamo a sinistra e continuiamo in moderata salita fino al tornante che precede Case Biranco (km 9,5).
Invece di salire andiamo a sinistra in una strada minore che sale ancora per poco.
Inizia allora una discesa piuttosto ripida e con qualche pietra smossa che porta ad un tornante ed a opere di presa di un acquedotto.
Dopo l'acquedotto la discesa si fa molto ripida. Entriamo nel bosco e facciamo molta attenzione perchè dobbiamo lasciare questa strada ad un bivio con un sentiero (palina GAL 210; km 11,2).
Svoltiamo a destra. Il sentiero scende ad attraversare un ruscello, poi risale ed entra in una zona disturbata da rovi ed ortiche. Entriamo tra i ruderi di Merea. Raggiunta la fontana scendiamo a sinistra raggiungendo una stradina (km 11,8).
Svoltiamo a destra. La strada è comoda e facile. Superiamo Fasce (km 12,8) e saliamo ad una spalla (km 13,9) dove teniamo la sinistra.
Andiamo in discesa per un buon tratto, poi superiamo qualche facile salita e raggiungiamo un incrocio (km 15,6) dove andiamo a sinistra scendendo ad una zona dissestata da una frana. Proseguiamo facilmente ed arriviamo a Pornassino (km 16,6) incontrando l'asfalto. Andando a sinistra potremmo raggiungere la provinciale che dista circa 1,5 km.
Svoltiamo a destra e superiamo un breve ma ripido tratto. Arriviamo ad alcune case (Pian del Fo; km 17). In corrispondenza del tornante lasciamo la strada asfaltata e prendiamo un sentiero erboso che va a sinistra, passando tra i giardini.
Entriamo nel bosco ed il tratto pianeggiante termina per lasciar posto ad una ripida discesa che ci porta quasi sul torrente. Proseguiamo a piedi per superare una zona franata, attraversiamo un ruscello ed infine raggiungiamo il ponte che attraversa il Re Bianco (km 18).
Un ripida rampa sale la sponda, poi possiamo salire in sella. Saliamo ancora per poco e poi andiamo in piano fino ad una casa (Casa Bruciata; km 18,8) dove termina il sentiero.
Prendiamo la stradina della casa e la seguiamo verso destra. Incrociamo la strada asfaltata per Cuchera e la seguiamo a destra raggiungendo la strada (km 19,7) per Toria dove andiamo in discesa per raggiungere le porte di Viozene (km 20).
Dislivello: in salita 900 m.
Ciclabilità: 97%
Asfalto: 45%
Osservazioni: percorribile in senso contrario, ma allora conviene seguire l´itinerario 13 che evita la salita non ciclabile dopo Merea.

 mappa  foto  gps
Cross from Ormea to Viozene

Updating:
 5/2009
Start point: Ormea
How to arrive: The village is reached by the itinerary 8, by the itinerary 12, by the itinerary 13, by the itinerary 27, by the itinerary 32, by the itinerary 47, by the itinerary 48.
Itinerary.
From Ormea we follow the SS 28 in direction of Col di Nava. After 1 km we turn to the right taking the road for Aimoni.
The road climb and leads to an intersection (km 4). We leave to the left the country and to the right the road of the Balcony of Ormea and we continue in slope.
Still some hairping curves and we reach the intersection (km 5) with the road that climbs to La Colma. Here we go straight on.
The road climb cutting the whole slope. It finally finishes to the church of Quarzina (km 8).
We continue turning to the right almost immediately (fountain, indications for La Colma). At the first hairping curve we leave this road to go to the left on a dirt road in light slope.
The road climbs to a fork where we go to the left and we continue in moderate slope up to the hairping curve that precedes Case Biranco (km 9,5).
Instead of climbing we go to the left on a smaller road that still climbs for little.
It begins then a rather steep descent with some shifted stone that leads to a hairping curve and to works of taking of an aqueduct.
After the aqueduct the descent it's very steep. We enter the wood and we watch out a lot because we have to leave this road to a fork with a path (sign post GAL 210; km 11,2).
We turn to the right. The path goes down to cross a brook, then it goes up again and it enters a zone disturbed by brambles and nettles. We enter among the ruins of Merea. Reached the fountain we go down to the left reaching a narrow road (km 11,8).
We turn to the right. The road is comfortable and easy. We overcome Fasce (km 12,8) and we ascend to a shoulder (km 13,9) where we turn to the left.
We descend for a good stretch, then get over some easy slope and we reach an intersection (km 15,6) where go to the left descending to a zone rough from a landslide. We easily continue and we reach Pornassino (km 16,6). Going to the left we could reach the provincial road that is around 1,5 kms.
We turn to the right and get over a short but steep stretch. We arrive to some houses (Pian of the Fo; km 17). In correspondence of the hairping curve we leave the road and we take a grassy path that goes to the left passing among the gardens.
We enter the wood and the level stretch ends to begin a steep and difficult descent that leads almost on the stream. We continue to overcoming a slipped zone by foot, then we cross a brook and we finally reach a bridge that crosses the White King (km 18).
A steep ramp climb the bank, then we can climb in saddle. We climb a little then we go in plain up to a house (House Burnt; km 18,8).
We enter a narrow road that we follow toward right. We cross a road that we follow to the right and then we meet a tarmac road (km 19,7) where we go in descent to reach the doors of Viozene (km 20).
Gradient: in slope 900 ms.
Rideable: 97%
Tarmac: 45%
Observations: practicable in contrary sense, but then it is worthwhile to follow the itinerary 13 that it avoids the non cycle slope after Merea.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.